Essere mamma

Tutto per la nanna | Culla per co-sleeping Chicco Next2Me

Ultimamente si sente tanto parlare di co-sleeping, ma quello che una neo o futura mamma si chiede veramente è: al di là della teoria, come cavolo faccio a fare ‘sto co-sleeping senza rischi?

Ecco, se anche voi come me siete rimaste affascinante dalla possibilità di allattare anche di notte senza alzarsi dal letto, ma non ve la sentite di rischiare di perdervi il pupo fra le lenzuola, questa è la culla che fa per voi.

 

Chicco Next2me | la culla per co-sleeping

Come dicevamo, la Chicco Next2me è una culla per co-sleeping dalla struttura leggera e dal rivestimento sfoderabile e lavabile.
È facile da montare e trasportare, ed è compatibile con quasi tutti i tipi di letto grazie a piedini e altezza regolabile.
Infine la spondina può essere facilmente rialzata per usarla come una normale culla.

 

Chicco Next2me | i pro

  • facile da montare e smontare, con pochi pezzi e istruzioni chiare
  • piedini ripiegabili, per adattarsi anche ai letti a cassettone
  • altezza regolabile, con 6 livelli di altezza.
    I livelli, numerati, si trovano sulle staffe e possono essere regolati separatamente, per ottenere anche un effetto inclinato, perfetto in caso di raffreddore o reflusso
  • fissaggio sicuro, tramite due cinghie da passare attorno alla sponda del lettone
  • comoda da spostare, perché robusta ma leggera e dotata di rotelline
  • sfoderabile e lavabile, il materiale sintetico si pulisce anche solo con una spugna
  • convertibile in culla tradizionale, tramite la spondina richiudibile dotata di rete

 

Chicco Next2me | i contro

  • il materasso troppo duro.
    Il materasso incluso nella versione precedente (non quella 2016) a detta dei più è troppo duro, e le dimensioni non standard rendono difficile sostituirlo con uno più morbido.
  • le misure.
    Le misure non standard ( 5cm x 86cm x 50cm ) rendono più difficile reperire lenzuolini con gli angoli.
  • la spondina.
    La spondina, purtroppo, non può essere abbassata completamente, perciò resta una specie di “gradino” fra i due letti. Potrebbe trattarsi di una precauzione, ma a mio avviso trattandosi di una culla per co-sleeping, vanifica il concetto di “estensione del lettone”.
  • i piedini.
    Molti hanno riscontrato che, piegando i piedini, la culla si inclina leggermente verso il letto, per cui è necessario aggiungere uno spessore sotto la cerniera del piedino oppure sotto il materasso per controbilanciare la pendenza.
  • da viaggio si, ma non troppo.
    Smontata è certamente piuttosto compatta ed è dotata di una borsa per il trasporto.
    Dopodiché definirla “da viaggio” è davvero eccessivo.
  • uso limitato nel tempo.
    A differenza di un normale lettino, la portata massima è 9kg, quindi un po’ pochino.
    Inoltre avendo sponde molto basse, diventa poco sicura appena il bebè inizia a stare seduto o prova tirarsi su.
  • il prezzo.
    È sicuramente un prodotto di buona qualità, ma il prezzo è un po’ troppo alto, specialmente se acquistata nei negozi.

 

Chicco Next2me | la mia esperienza

migliori-culle-cosleeping-chicco-next2me_main

Ho acquistato la Chicco Next2me nel 2015, poco prima che nascesse V. sia per motivi di spazio che perché mi è subito sembrata una buona culla per co-sleeping (visto che volevo praticare l’allattamento a richiesta).

All’epoca trovarla usata era raro per questo ho optato per una nuova, a cui ho abbinato le lenzuola coordinate per questioni di comodità.

L’ho montata da sola in poco tempo e con una panza di 34 settimane, quindi è effettivamente facile.

Meno facile il fissaggio al lettone, perché per fare meno fatica occorre spostare il materasso almeno un pochino.

La spondina non completamente abbassabile e l’inclinazione verso il lettone per via dei piedini piegati sono una scocciatura, ma ho subito risolto con degli asciugamani sotto per alzare il materasso e controbilanciare la pendenza.

Se avete un comodino ingombrante, vi consiglio dì toglierlo perché:

  1. una volta fissata con le cinghie non aprirete più i cassetti
  2. se la fissate troppo in giù è scomoda sia per allattare che per salire e scendere dal letto.

Con V. l’abbiamo usata dalla nascita fino a circa 8 mesi, non per le dimensioni ma perché da li in poi ha iniziato a tirarsi su e le sponde sono troppo basse.

 

Chicco Next2me | il verdetto

Nonostante ci siano delle pecche, resta ancora una delle migliori culle per co-sleeping e ha pochi concorrenti.
La qualità dei materiali e la solidità sono indiscutibili e la versione 2016 è stata riveduta e corretta per migliorarne le prestazioni.
Io mi sono trovata molto bene nonostante tutto, quindi la consiglio sicuramente.

 

Chicco Next2me | la vostra opinione

E voi? Avete provato il co-sleeping?
Avete usato questa culla o avete trovato altre soluzioni?

Scrivete qui sotto nei commenti, oppure sulla pagina facebook di SBD!

 

3 Comments
  1. […] letto nei primi mesi, questo é sicuramente uno degli accessori indispensabili fin dal giorno 0. (Qui potete trovare un articolo sulla culla per co-sleeping della […]

  2. […] co-sleeping con V non c’erano molte alternative alla Chicco Next2Me (di cui abbiamo parlato qui). Oggi invece la culla posizionabile accanto al lettone è un must, e svariate compagnie hanno […]

  3. […] Leggi anche: Recensione culla co-sleeping Chicco Next2Me e Pali […]

Leave a reply